Insegnare ai bambini la consapevolezza ecologica

Sharing is caring!

MashCo-consapevolezza-eco1
Quante volte ci sentiamo inadatti in mezzo all natura? In città il fango che si genera da un’improvvisa pioggia ci cambia letteralmente la giornata, costringendoci e cambiare i nostri piani. Non siamo più abituati a vivere la pioggia ed è tutta colpa della nostra società.
Viviamo oramai una vita meccanico-materialista portandoci a una visione della vita legata al desiderio degli oggetti e alla competitività come cardine su cui ruota la nostra vita. Così, anche ai bambini che nascono in quest’epoca trasmettiamo lo stesso modello, dimenticandoci che sono e siamo innanzitutto figli della natura e legati profondamente a essa.
E allora, come insegnare la coscienza e la consapevolezza ecologica ai bambini di oggi –le future guide del domani– se non avvicinandoli alla natura?

Vicino la naturaecologica

Partiamo dall’idea che possiamo insegnare tutto ai più piccoli: utilizzando l’approccio giusto è possibile trasmettere loro l’importanza della natura, con lo scopo di aiutare prima di tutto il loro sviluppo psico-fisico.

Maria Montessori diceva che il miglior modo per far insegnare ai bambini una coscienza ecologica è immergerli ai lavori agricoli, guidandoli alla coltivazione delle piante e degli animali per una contemplazione intelligente della natura.

In questo modo, dice il saggista Fritjof Capra, i bambini arrivano a comprendere, ma soprattutto a vivere, i fenomeni legati alla rete della vita, al flusso dell’energia e ai cicli della natura. Comprenderanno così che la natura è ciclica e reintegra qualsiasi cosa all’interno di un flusso energetico, mentre i sistemi industriali a cui siamo abituati sono lineari e generano rifiuti.

Cosa imparare dall’agricoltura e dalla cura degli animali?

MashCo-consapevolezza-eco3
Si impara sicuramente un senso etico da un’attività divertente
. Ricordiamoci che le esperienze gioiose sono importantissime nella pedagogia e un’attività come la coltivazione dell’orto non solo crea questo tipo di esperienza, ma permette anche di immergere i più piccoli in un’attività magica connessa alla natura, cosa che non potrebbero provare altrimenti tutti i giorni.

Ma cosa imparano i bambini nello specifico?

1. Iniziano a osservare i fenomeni della natura. Più si abituano a osservare più crescerà in loro un senso di premura verso un altro essere, comprendendo anche il senso di cura che i genitori o le maestre hanno per loro.

2. Inizia un senso di previdenza che porta i bambini a sentire una sorta di missione nella vita. Il bambini si autoeducano ogni qualvolta la pianta o l’animale che hanno in cura ha bisogno di aiuto, senza chiedere a un adulto.

3. Quando iniziano a piantare un seme e vedono che la pianta non cresce da un momento all’altro, imparano a essere pazienti e il valore dell’attesa. Inoltre apprezzeranno la frutta e la verdura che hanno contribuito a fare crescere con cura.


LEGGI ANCHE: Eco Mamma: Diventare Una Mamma Eco Consapevole


4. Ameranno naturalmente tutte le manifestazioni della vita e svilupperanno un senso di fiducia verso altri esseri viventi come forma d’amore e di unione con l’universo.

5. La vita che viviamo non può prescindere da quella dei bambini di oggi. Ma immergerli nelle attività vicino la natura chiarirà in loro la differenza tra i i prodotti naturali e quelli artificiali industriali e li farà seguire il naturale sviluppo dell’uomo da individuo a uomo civile.

ecologica

Bisogna capire che la comunità sostenibile è data dalla rete da cui dipende la nostra sopravvivenza a lungo termine e non dalla crescita economico e le quote di mercato. Come qualunque altra cosa, per imparare la consapevolezza ecologica è necessaria di tanta pratica. Per cui cercate di immergere i bambini quanto più possibile nella natura, lasciateli camminare scalzi e calpestare l’erba e bagnarsi con la pioggia. I bambini hanno bisogno di ricreare il legame con la natura che la società nega loro sempre di più.


L’AUTRICE
Katrin Ann Orbeta – Mash&Co
“Sono nata nelle Filippine ma cresciuta in Italia. Vivendo due culture ne ho visto le bellezze ma anche le differenze: le persone e soprattutto i bambini non hanno gli stessi diritti e opportunità. Credo fermamente che educare i bambini è il miglior modo per creare le basi per un mondo giusto. Da qui nasce Mash&Co, la storia animata digitale che introduce i più piccoli a valori positivi. Il mio contributo per un mondo migliore parte dal mio amore per il disegno, l’animazione e la tecnologia.”

 

 

Sharing is caring!

Comments